Pietro L'Aretino

 

 
« ... ecco il flagello
de' principi, il divin Pietro Aretino. »
  (Ludovico Ariosto, Orlando Furioso, 46, 14, 3-4)

Pietro Aretino (Arezzo20 aprile 1492 – Venezia21 ottobre 1556) è stato un poetascrittore e drammaturgo italiano.

È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso tese a renderlo benvoluto nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

Figura di letterato amato quanto discusso, se non odiato (e per molti fu semplicemente un arrivista ed uno spregiudicato cortigiano).

Per questa che oggi potrebbe apparire incoerenza fu, per molti versi, un modello dell'intellettuale rinascimentale, autore anche di apprezzati Ragionamenti.