Arezzo, città di pionieri

News
Zugriffe: 10887

Che cosa accomuna Giorgio Vasari, Francesco Petrarca, Guido Monaco e Piero della Francesca? la risposta più semplice è che sono nati tutti nei dintorni di Arezzo. Potete accontentarvi di questo, trovare un Hotel a Arezzo (possibilmente uno dei nostri), e venire a conoscerli, a visitare le loro case e i luoghi dove hanno creato opere che resistono al tempo.

Ma c'è dell'altro.

Nonostante la distanza temporale che li separa, questi 4 grandissimi artisti cui Arezzo ha dato i natali sono legati da un'altro filo conduttore affascinante: sono stati (e sono) dei teorici, che hanno avuto il duplice merito di aprire la strada alle generazioni a venire, creando nuovi percorsi di lettura e di creazione artistica, ma soprattutto di spiegare ai posteri il percorso più breve per raggiungerla, quella strada.

guido_monaco
Guido Monaco (Arezzo, 992 circa - 1050) è l'esempio più limpido. Non è stato un artista nel senso proprio del termine, non c'è nessuna opera musicale ascritta al suo nome, eppure ha dedicato tutta la sua vita al pensiero della musica. Un pensiero non certo sterile, visto che la moderna notazione musicale, da lui concepita, ha cambiato tutto, per i musicisti, aprendo sia nuove possibilità di lettura e trasmissione (quindi conservazione), sia un nuovo mondo di opportunità di composizione, che la vecchia notazione non permetteva. Suoneremmo così, nel mondo? ascolteremmo la musica come la ascoltiamo oggi, se non ci fosse stato Guido Monaco? Non credo, o perlomeno saremmo molto meno avanti di come siamo.

 

 

 

francesco_petrarca
Anche dopo il passaggio di Francesco Petrarca (Arezzo, 1304 - Arquà, 1374) è cambiato tutto nel suo campo di azione artistico. Non è un caso se uno dei modi di indicarlo è "Il poeta della modernità". Non solo ha dato respiro alla poesia come genere indipendente; non solo è stato il ponte che ha permesso i primi passi della transizione, in Italia, dalla scrittura in latino a quella in volgare; ma soprattutto, anche se la cosa è comprensibilmente meno nota, ha dato un contributo enorme alle regole metriche in poesia, e ha codificato quelle regole di accentazione degli endecasillabi che hanno cambiato la poesia per sempre, e che vengono utilizzate ancora oggi. Curioso, vero? Due artisti aretini che ognuno nel suo campo hanno letteralmente cambiato il senso del ritmo nel mondo. No, non è curioso: è affascinante, e poetico.

 

piero_della_francesca

 

Poi c'è Piero della Francesca (Borgo San Sepolcro - AR, 1412 cca - 1492). La cosa che incuriosisce, anche facendo una ricerca solo superficiale su wikipedia, è come Piero fosse sì un pittore, ma anche un matematico. Cosa c'entra la matematica con la pittura? Basta ampliare di poco la ricerca per scoprire che le sue conoscenze matematiche (ma soprattutto quelle di geometria euclidea), gli hanno permesso di lavorare sulla prospettiva pittorica come mai nessuno prima. Ha perfezionato (e anche lui, guarda caso, codificato) gli studi prospettici che i più grandi stavano affrontando in quel meraviglioso periodo artistico (uno tra tanti, Brunelleschi).

Anche qui si può parlare di ritmo. Perché la luce, la prospettiva, la geometria delle forme, con il rinascimento hanno permesso agli artisti di creare per l'occhio umano precisi percorsi di fruizione delle opere. Dopo il rinascimento, e grazie al grande lavoro di Piero, la pittura ha potuto esprimere in modo più netto il messaggio che voleva trasmettere, e l'amatore ha potuto percorrere le opere con una consapevolezza diversa.

Si può dire che Piero della Francesca sia la sintesi di tutto il rinascimento, e non solo quello italiano. Un altro apripista, un altro aretino.

Giorgio_Vasari
Giorgio Vasari (Arezzo, 1511 - Firenze, 1574) non è stato da meno, anche se in un modo diverso. Lo si conosce come pittore e architetto (ha cominciato lui i lavori per quella che adesso è la Galleria degli Uffizi.

La sua opera più famosa però è un trattato: si tratta delle "Vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori italiani, da Cimabue insino a' tempi nostri". In un vero e proprio censimento storiografico - ma che non tralascia di raccontare aneddoti anche divertendi, facendo anche arrabbiare gli artisti citati - Vasari traccia una mappa che collega ben 160 artisti.

In un periodo in cui i documenti ufficiali erano spesso vittima di incendi, battaglie e altre devastazioni la sua opera è stata ed è fondamentale (uno dei primi libri che ho dovuto leggere all'università, ricordo, e a un corso di letteratura!). Uno degli esempi è la data di nascita di Piero della Francesca: tuttora sconosciuta, è stata ricostruita più precisamente proprio grazie alla documentazione presente nelle "vite".

Ma l'opera del Vasari ha segnato un altro grande esordio, quello proprio dei metodi della storiografia dell'arte, e ha dato inizio quindi a uno studio più consapevole, più strutturato dell'arte.

Il filo rosso che accomuna questi 4 maestri è quindi che tutti, nel loro campo, sono stati dei pionieri. Non si sono dedicati solo all'arte, ma hanno speso energie anche perché l'arte superasse se stessa, imboccasse strade più proficue, fosse a disposizione di tutti, conosciuta e riconosciuta.

E riconoscere l'arte, si sa, è riconoscere un po' sé stessi.